IVIE 2024: le perizie immobiliari e le consulenze fiscali di welcomehome-UK sono lo strumento per non sbagliare!

Welcome Home: il tuo faro per navigare tra perizie immobiliari e consulenze fiscali impeccabili!

Fiscalità: torniamo su un argomento che suscita sempre dubbi: sul terreno scivoloso dei corretti adempimenti, welcome home-UK (https://welcomehome-uk.com/#gref) rappresenta un solido appoggio, grazie alle competenze nel campo delle perizie immobiliari. Esse sono strumento fondamentale per un corretto calcolo dell’IVIE, l’imposta patrimoniale sugli immobili detenuti all’estero da contribuenti italiani. 

Dopo la Brexit, le regole sono cambiate, facciamo un chiaro riepilogo: un soggetto fiscalmente residente in Italia che acquista un immobile nel Regno Unito deve compilare il quadro RW del modello redditi, in modo da precisare ed eventualmente versare l’IVIE. Ciò va fatto esclusivamente in via telematica ed entro il 15 ottobre 2024, relativamente ai dati 2023; anche qui, welcome home-UK offre consulenza per non commettere errori (costosi).

L’Agenzia delle Entrate considera attività estere patrimoniali da indicare nel quadro RW:

  • immobili, anche se tenuti a disposizione;
  • preziosi e opere d’arte che si trovano, anche in custodia, fuori dal territorio italiano;
  • yacht e imbarcazioni da diporto “esteri“;
  • altri beni mobili detenuti e/o iscritti nei pubblici registri esteri, nonché quelli che, pur non segnati in tali registri, avrebbero i requisiti per essere iscritti in Italia;
  • beni immateriali (marchi, brevetti, etc.);
  • mobili ed oggetti di antiquariato.

Dal 2024 l’IVIE prevede un’aliquota dello 1,06% (https://welcomehome-uk.com/blog/ivie-tocca-1-06/) applicata, sulla base delle imposte catastali previste per i paesi della UE; essendo il Regno Unito fuori da essa dal 2021, il valore imponibile degli immobili proprietà di soggetti fiscalmente residenti in Italia va stabilito attraverso il costo derivante dall’atto o dal contratto di acquisto o, in assenza, sulla base del valore di mercato del luogo in cui si trova l’immobile. Costo d’acquisto o valore di mercato: ecco, in sintesi, i riferimenti.

Nel caso di immobili ricevuti per successione o donazione l’IVIE rispecchia quanto si legge nella dichiarazione di successione o nell’atto registrato; se non sono disponibili, il parametro diventa il costo di acquisto o di costruzione o, in ultima battuta, il valore di mercato della zona in cui sorge l’immobile.

Condividi articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *